Elmando: come rendere più umani gli immigrati

Scritto da
Alessio Scalzo

Molto spesso i media parlano di “immigrati”, di “clandestini”, usano termini che accomunano varie persone, diversissime tra loro per vari motivi, in un’unica accozzaglia informe, ma questo “ammasso” in realtà è costituito da centinaia di migliaia di piccole storie, ognuna diversa: se si tiene a mente questo, forse è più facile riuscire a vedere l’umanità in queste persone, la stessa umanità che è dentro di noi.

Bisogna riuscire a scorgere le persone nella marea umana per capire che i migranti non sono solo una “una massa che ci invade”.

Sandro Joyeux ha scritto un bellissimo pezzo che racconta la storia di Elmando, un immigrato africano; una canzone che dà un volto a chi spesso viene gettato a forza in “quell’ammasso informe”.

Noi di Pequod abbiamo fatto qualche domanda ad Antonio Octavian, animatore e regista dal talento cristallino del videoclip di Elmando (che potete ammirare qui sotto), realizzato con il Patrocinio dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR).

Come mai hai scelto di realizzare il video di una storia che parla di immigrazione?

Non ho davvero scelto una storia che parla di immigrazione, ho scelto la storia di un uomo con un tragico destino che cerca di resistere. Ho ascoltato la canzone ed ho amato il ritmo africano, mi è piaciuta la storia raccontata da Sandro, i versi sono epici, ricchi di azione ma cantati con molto cuore, è una confusa combinazione tra un ritmo allegro e una storia davvero triste.

Elmando, che Sandro ha conosciuto davvero pochi anni fa, adesso ha circa 50 anni, perciò la sua storia non è nuova, né ispirata a eventi recenti.

foto 1 (8)

Pensi che il tuo lavoro possa cambiare la percezione dei migranti?

Forse, penso che la musica e il cinema abbiano la grande abilità di cambiare la percezione delle cose, ma quello che il pubblico ricorda e impara per il futuro lo ignoro. Forse il vero cambiamento avverrà negli anni a venire a partire da adesso.

Hai detto che Elmando è racconta una storia vera. Ti è mai capitato di conoscere qualcuno come il protagonista?

La storia di Elmando è universale! È la storia di una inarrestabile ricerca della propria identità e di un luogo da poter chiamare casa. Ovunque nel mondo ci sono persone che cercano queste cose, anche se al momento non lo stanno facendo a causa della guerra, o a causa di gravi problemi di salute o economici. Noi tutti siamo alla ricerca di una vita migliore, ma alcuni di noi devono avere uno straordinario destino, quindi in sostanza ho conosciuto persone come Elmando.

FOTO2 (3)

Quali sono i tuoi progetti futuri?

Sto lavorando al lancio del mio studio di animazione e a un nuovo corto, un’altra storia che parla di ricerca con una miscela di dolce e di amaro.

Le storie delle persone come Elmando possono sembrare molto distanti nel tempo e nello spazio, ma se l’umanità che ci lega è la stessa, quanto sono davvero distanti? Complimenti a Sandro Joyeux per aver raccontato questa bella storia, ma soprattutto ad Anton Octavian, che ha contribuito a renderla un piccolo capolavoro.

Categorie Articoli:
Cinema

Commenti

  • Arg! Every time you wear those shoes, I just hit my head agnaist the wall trying to find them online. Sigh. If you ever get tired of them, I will take them off your hands and MAKE them fit my feet!

    Lidia 23 febbraio 2017 1:39 Rispondi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie terzi per le sue funzionalità. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Pequod